.
Annunci online

mifaccilpiacere

Un procedimento ridicolo, senza uno straccio di prova.

diario 22/5/2009

Ecco che torna in pista il nostro Filippo Fa(cci)ntozzi in difesa del megadirettore.

Su “il Giornale”del 20 maggio 2009 racconta una versione del processo Mills che fa ridere chiunque sia sano di mente.

Secondo lui nelle motivazioni della sentenza mancherebbero  le prove del dare e dell’avere, necessarie per il configurarsi della corruzione.
Le testimonianze false o reticenti di Mills, secondo il fantozziano Filippo,  sarebbero servite in realtà a condannare Berlusconi in primo Grado al processo all’iberian
successivamente assolto ma non grazie a Mills”, cerchiamo di fare chiarezza.
Partiamo dagli esiti di quei processi, Berlusconi nel processo All-Iberian1, ovvero finanziamento illecito a Craxi di 23 miliardi di lire, fu condannato a 2 anni e 4 mesi in primo grado, prescritto (non assolto) in secondo grado grazie alle attenuanti generiche; sentenza confermata in cassazione.

Nel processo All-iberian 2, ovvero falsi in bilancio relativi a 1200miliardi di lire in fondi neri su conti esteri Berlusconi fu assolto “perché il fatto non più previsto dalla legge come reato” (Berlusconi se lo è depenalizzato da solo).
C'è anche un altro processo in cui Mills si è adoperato per evitare guai Peggiori al Cavaliere, parli
amo di quello che riguarda le tangenti alla guardia di Finanza (nel quale lo stesso Berlusconi dice di essere stato assolto con formula piena) in realtà è accertato in via definitiva dalla Cassazione che la Fininvest era solita corrompere la Guardia di Finanza, infatti i dirigenti che eseguivano materialmente la corruzione sono stati condannati.
Parliamo di Salvatore Sciascia (colui che pagava) e  l'avvocato Berruti (colui che depistò le indagini), portati poi, come premio, entrambi in parlamento dal cavaliere.

In questo processo Berlusconi è stato assolto con formula dubitativa (comma 2 dell'articolo 530 del codice di procedura penale) ovvero non si riuscì a provare chi tra Paolo e Silvio dava a Sciascia l’autorizzazione a pagare ( è ben diversa la storia non credete?)

Veniamo ora alle testimonianze di Mills che, secondo Facci fanno condannare (in primo grado) Berlusconi, anche qui c’è un falso di base:

Nella sentenza è chiaramente spiegato che Mills evitò di dire cose che sapeva benissimo per evitare guai a Berlusconi.

Esempio, processo All-Iberian, alla domanda dei PM su chi fosse il proprietario delle società estere Mills risponde.” non spetta a me dire chi è il proprietario, chi no”…  e ancora “per rispondere alla sua prima domanda sulla proprietà, cioè vorrei chiarire un po’  la questione.

La  proprietà  è  rimasta  un  po’  vaga,  come  dicevo  prima,  perché  nessuno  ha  detto:  io  sono  il proprietario di queste società ... il cliente era il Gruppo Fininvest” quando sapeva benissimo che il proprietario era Berlusconi (badate bene c’è una differenza sostanziale nel dire che il cliente era il Gruppo Finivest e dire il proprietario è Berlusconi).
Non disse che i beneficiari di “Century One Ltd e Universal One Ltd, società offshore costituite da Mills per conto di Silvio Berlusconi, che avevano ricevuto dal Gruppo Fininvest - a fronte di fittizie vendite di diritti televisivi - ingenti rimesse di denaro su conti bancari presso BSI Lugano, somme successivamente prelevate in contanti (per circa 50 milioni di euro) da Paolo Del Bue e altre persone della fiduciaria Arner”, erano Marina e Piersilvio Berlusconi

Non riferì che era a conoscenza del rapporto tra Paolo Del Bue e la famiglia Berlusconi.

Nel processo per le tangenti alla guardia di Finanza evitò di riferire, pur interrogato,“che la proprietà delle società offshore del Fininvest B Group faceva capo direttamente e personalmente a Silvio Berlusconi”, non riferì nemmeno del colloquio telefonico con il Cavaliere (23 novembre 1995) riguardante il finanziamento illegale di 10 miliardi di lire erogato da Berlusconi tramite All Iberian a Bettino Craxi.

Mi fermo qui, anche se si potrebbero scrivere libri interi, per non annoiare.

E' evidente che evitare che i PM collegassero società che commettevano illeciti direttamente a Berlusconi, non può che dargli vantaggi sotto il profilo giuridico checché ne dicano i suoi fidi.

Veniamo ora ai 600.000 dollari che Mills ha ricevuto in cambio del suo silenzio.

Secondo Berlusconi e i suoi stuoini,  quei soldi non sarebbero di Berlusconi ma di Diego Attanasio (armatore con alcuni problemi giudiziari in Italia).
Mills trattiene quella somma in cambio della sua consulenza, versione che lui stesso conferma al processo rimangiandosi la confessione che aveva rilasciato in precedenza.

Si perchè Mills, quando i PM di Milano lo mettono con le spalle al muro mostrandogli una  lettera che egli stesso aveva inviato al suo commercialista (gennaio 2004 prima del processo), confessa.

In quella lettera  Mills chiede cosa deve fare con i soldi che aveva ricevuto da “Mr.B”, inquanto li ritiene un regalo e non un pagamento di prestazioni; e quindi non vuole pagarci le tasse.

Questa versione, confermata più volte sia oralmente che per iscritto, verrà ritrattata da Mills successivamente.

Torniamo ai 600.000 dollari, la difesa ritiene che “originano dalla rimessa di $ 2.050.000 proveniente da Mees Pierson Bahamas”...”trae interamente origine dalle operazioni imprenditoriali riconducibili integralmente a Diego Attanasio” senza nessun afflusso esterno.

Il nocciolo della questione è qui: “ senza nessun afflusso esterno”, la consulenza dei PM dimostra la falsità di questa affermazione ricostruendo tutte le movimentazioni di denaro effettuate da Mills.

La strategia dell'avvocato inglese è semplice, movimentare i soldi di tutti i suoi clienti in modo da far perdere le tracce.

Il consulente dei PM, con un lavoro molto accurato dimostra che : è vero che i soldi di Attanasio passano attraverso Mills ma che quei 600.000 dollari non sono riconducibili all'armatore, insomma i giudici hanno giudicato attendibile la versione dei consulenti del PM (ovvero hanno fatto il loro lavoro), una cosa fuori dal mondo secondo Facci.

La prossima volta che Facci si fa scrivere un articolo da Ghedini abbia almeno l'accortezza di dirlo.